martedì 22 dicembre 2015

Outlander - La Straniera

Ciao a tutti e bentornati!
 
Il post di oggi è tutto dedicato ad Outlander, la serie di libri intitolata La straniera in Italia e che ha dato recentemente vita alla sua serie tv.

Vi piacciono i romanzi storici?
Vi piacciono i fantasy, ma senza orchi, elfi e folletti?
Vi piacciono le storie d'amore?
Allora, carissimi, avete trovato quello che fa per voi.

La saga di nove libri che racconta la storia di Claire Randall, infermiera militare che, nel 1945, si ricongiunge con il marito per una seconda luna di miele nelle Highlands scozzesi, vi piacerà sicuramente.
Inizio con il dire che ho letto soltanto il primo libro... mentre ho guardato tutta la prima stagione della serie tv e aspetto con ansia l'uscita del seguito!
Ero troppo curiosa durante la lettura (lo so, sono fatta così!), quindi proseguivo a pari passo tra capitolo e puntata e mi sono totalmente presa nella storia, nonostante l'immensa lunghezza del primo capitolo della saga - nota negativa e una delle poche critiche che posso muovere al libro-.

Trama generale: Claire Randall è un'infermiera militare di ventisette anni che nel 1945, a seguito della fine della seconda guerra mondiale, si ricongiunge con il marito dopo aver passato gli anni della guerra separati. Il loro è un matrimonio giovane, interrotto sul nascere dalla guerra, così, con la scusa del recupero della luna di miele, i due non più sposini cercano di scoprire quali strade le loro vite abbiano intrapreso durante le lunghe assenze e i cambiamenti che una guerra mondiale vissuta dal vivo possono portare.
Tutto cambia drasticamente nel momento in cui Claire, per una serie di eventi, finisce in un antico cerchio di pietre un tempo utilizzato per riti pagani; toccando una delle pietre, Claire finisce misteriosamente nel passato, esattamente duecento anni prima nello stesso identico luogo, poco prima della rivolta giacobita e esattamente al centro di una scaramuccia tra inglesi e scozzesi.
Ovviamente, lei inglese, finisce nelle mani di un gruppo di scozzesi i quali, ritenendola una spia inglese, la portano nel castello del loro clan per tenerla sotto controllo.
Da qui nascerà la lunga storia della nostra infermiera che, nei tentativi di tornare al proprio tempo e al proprio marito, si scontrerà contro il clan che la tiene in una sorta di libertà vigilata, con un amore sbocciato a sua stessa insaputa, e contro il "malvagio" della storia, un antico antenato del suo vero marito, Black Jack Randall, dalla sua stessa fisionomia.

Considerazioni sul primo libro LA STRANIERA: mai esageratamente noioso, ma 6oo e passa pagine per il primo libro di una saga che conta più o meno nove libri, se non erro, è davvero un bell'impegno. Ed è proprio per questo che, per ora, ho deciso di fermarmi nella lettura del secondo libro - L'amuleto d'ambra - in attesa del ritorno della seconda stagione.


Viste le scene abbastanza erotiche (anche se non ci sono dialoghi alla cinquanta sfumature, per intenderci), non lo consiglierei ad un pubblico sotto i 14 anni, anche se, vista la tv d'oggi e letti certi libri, credo che troppi ragazzini non si scandalizzerebbero più di tanto. Però questi momenti hanno sempre un loro perché e, nonostante si intenda alla perfezione cosa stia succedendo, raramente la scrittura diventa volgare, tantomeno nella trasposizione su pellicola. E poi, diciamocelo: un po' di pepe ci sta sempre!

ASPETTI POSITIVI DELLA SERIE TV: tutti! Devo ammettere che è stata una delle poche volte in cui ho apprezzato maggiormente la trasposizione televisiva che il libro stesso; quindi, consigliatissimo sotto tutti i punti di vista: scelta degli attori perfetta, così come la loro recitazione; costumi, azione, dialoghi, scenografia e sceneggiatura: davvero tutto azzeccato. Ma, sopra a tutto il resto: LE MUSICHE. M-a-g-n-i-f-i-c-a la colonna sonora :-)
In sostanza, se vi piacciono le cornamuse, la storia, un pizzico di magia leggendaria e, soprattutto, le storie d'amore, la storia della straniera è quello che fa per voi!



Maia